SCUOLA IDEALE – DISPERSIONE SCOLASTICA

 

abbandono scolastico

DISPERSIONE SCOLASTICA

La dispersione e l’ abbandono  scolastico sono evidenti agli occhi di tutti e sono sicuramente correlate alle difficoltà quotidiane che i ragazzi devono affrontare.

Le difficoltà scolastiche, oltre ad essere in costante aumento, sono direttamente proporzionali all’insuccesso scolastico e sono le maggiori responsabili dei successivi abbandoni.

“Ogni bambino per sua natura è curioso. Poi va a scuola.” – Silvana Baroni

In effetti, a causa delle difficoltà che sperimentano quotidianamente i ragazzi sono sempre più demotivati e disinteressati a ciò che la scuola propone.

Troppo spesso li sentiamo dire:

Non so come devo fare questo compito, non ho capito bene…

Perché devo andare a scuola, a che mi serve?

Perché devo imparare questa cosa così difficile che poi non mi servirà mai?

Forse non sono tanto bravo in matematica, ma di sicuro non mi piace per niente…

“Da oltre mezzo secolo i bambini, i ragazzi e i giovani vengono obbligati a starsene seduti, tra scuola e compiti, circa otto ore al giorno, e che, alla fine dei loro corsi di studi, a qualsiasi domanda culturale, il loro sguardo vaga smarrito o si esprime in un “boh!”.” – Silvano Agosti

Recentemente, il MIUR ha comunicato i dati statistici dove l’abbandono scolastico è di circa un ragazzo su tre. Un altro dato preoccupante e che dovrebbe farci riflettere è che l’ottanta per cento dei ragazzi della scuola secondaria vivono la scuola con una condizione di malessere.

Sono numeri davvero spaventosi.

Perché non riusciamo a coinvolgerli ad  avere piacere nell’ imparare cose nuove, quando per natura siamo tutti nati curiosi e predisposti ad apprendere?

Alcuni più di altri, con varia intensità, ma comunque la maggior parte dei ragazzi, anno dopo anno finiscono per odiare la scuola?

“Odio la scuola. Mi fa impazzire. Appena imparo una cosa, vanno avanti con qualcos’altro.” – Sally Brown

Non si riesce ad invertire la rotta, nonostante la buona volontà di numerosi insegnanti ed anche delle varie riforme della scuola attuate nel tempo.

Sarà forse che ci concentriamo sul problema sbagliato? Vogliamo davvero continuare a credere che sono i ragazzi ad essere svogliati o con problemi cognitivi o comportamentali? Ah già, sicuramente è colpa della famiglia che non li educa a dovere…

Chiaro che tutto questo è anche vero, com’è vero che non sempre tutti gli insegnanti riescano a svolgere il proprio ruolo nel migliore dei modi.

“Al contrario di quanto credono quasi tutti, la scuola non deve insegnare a studiare. Studiare è il mezzo, non il fine.” –  Ermanno Ferretti

Anche se molte problematiche dipendono sicuramente anche da questi fattori, non credo che possiamo solo soffermarci qui, cercando colpevoli o lamentandoci per quello che non va’.

Credo invece che sia risolutivo cercare alternative differenti da quelle utilizzate in precedenza, per risolvere i problemi.

È fondamentale, è  vero, essere adulti preparati e capaci di fornire al meglio le nostre conoscenze ai ragazzi.

Aiuta sicuramente riuscire a predisporre le migliori condizioni per aiutarli ad apprendere in modo semplice, lavorare sul loro potenziamento cognitivo e sulle strategie per imparare con più facilità.

“La scuola dovrebbe avere sempre come suo fine che i giovani ne escano con personalità armoniose, non ridotti a specialisti.” – Albert Einstein

Credo infatti, che il problema maggiore sia costituito dalla spasmodica ricerca di uniformità dei saperi. La ricerca della normalizzazione, l’acquisizione delle stesse competenze dei bambini, le loro abilità ed anche dalla scarsa possibilità d’interazione tra di loro.

La diversità che tanto fa paura, può essere un’enorme ricchezza per tutti. Inoltre l’assimilazione di nuove conoscenze può essere favorita dall’interazione con altri ragazzi e con le loro peculiarità.

Esporre invece le proprie passioni e le conoscenze già acquisite da parte dei ragazzi stessi, donerebbe quel sano appagamento di cui tutti abbiamo bisogno.

Questo si che farebbe sentire di far parte di una scuola che li accetta e li approva, di essere riconosciuti, di essere importanti e apprezzati ugualmente per quello che anche loro hanno da dare.

“Una scuola è superiore a un’altra non tanto per gli insegnanti, ma per gli alunni. Si impara di più dai propri compagni che dal resto.” –  Ermanno Ferretti

Ci concentriamo cosi tanto su come tenerli a bada per ore, su quello che devono apprendere, su quali sono le competenze che devono acquisire e su quanto tempo devono impiegare per farlo, che ci si dimentica spesso che ognuno ha una propria unicità.

E se tutti noi siamo unici, abbiamo caratteristiche diverse e capacità diverse, anche a loro dovrebbe essere permesso di esprimere al meglio questa propria unicità senza paura.

Non potrebbe infatti essere che i nostri bambini abbiano bisogno di essere semplicemente loro stessi, di essere rispettati nei loro tempi e di ricevere la nostra fiducia nelle loro capacità?

“Il motivo principale per andare a scuola è quello di avere per tutta la vita la costante impressione che ci sia un libro per ogni cosa.” –  Robert Frost

Andare a scuola con gioia, imparare dagli altri e non sentirsi quotidianamente inadeguati per le proprie difficoltà, è possibile e salverebbe molti ragazzi dalla dispersione scolastica.

Molto sta nella capacità degli adulti di discostarsi dalla corsa alla normalità e di riuscire ad apprezzare ed a valorizzare ciò che c’è di buono in ognuno dei nostri ragazzi.

Spero che l’articolo ti  abbia fatto un pò riflettere e se ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito nella sezione NEWSLETTER o di mettere un like sulla pagina facebook se vuoi essere sicuro/a di ricevere e non perderti i futuri articoli  di bambino ideale

Mi piacerebbe conoscere le tue riflessioni o la tua personale esperienza e ti chiederei di riportarla nei commenti qui sotto. Potrebbe essere utile condividerla con altri e confrontarsi. In ogni caso un scambio d’idee può essere arricchente per tutti. Grazie!

A presto!

Autore: Amministratore

https://www.bambinoideale.com/chi-sono/

Il tuo commento è utile alle persone che ci raggiungono qui per la prima volta, grazie!