ARCHIVIO ARTICOLI

CONOSCI IL SEGRETO DELLA COMUNICAZONE?

Pensi di possedere già il segreto della comunicazione? Hai una buona capacità di risoluzione dei conflitti e una comunicazione efficace con il tuo figlio?

Tutti abbiamo problemi di comunicazione… Parole, quante parole che usiamo tutti i giorni… e più parliamo meno ci capiamo. Nell’era della comunicazione abbiamo tutti difficoltà a comprenderci.

Comunicazione viene dal latino communicare, composto da cum “con” e munire “legare”, pertanto è mettere in comune, rendere partecipe.

L’operazione attraverso la quale trasmettiamo delle informazioni è l’azione, consapevole o inconsapevole, verbale o non verbale, tramite la quale si fanno conoscere agli altri le proprie idee, i propri sentimenti, i propri interessi o le proprie convinzioni.

“Il maggior problema della comunicazione è l’illusione che sia avvenuta.” – George Bernard Shaw 

La comunicazione è parte integrante di ogni società umana, al punto che quando due o più esseri umani sono in contatto tra loro, non possono evitare di comunicare, che lo vogliano o no.

Se è vero che il sessanta per cento della nostra comunicazione passa attraverso il linguaggio del corpo, un successivo trenta per cento attraverso il tono della voce, ecco che abbiamo in totale il novanta per cento della nostra comunicazione che non è verbale.

Questo equivale a dire che il 90% di quello che si comunica… non esce dalla nostra bocca.

Anzi, lo possiamo vedere ancor meglio nel regno animale, dato che addirittura loro riescono a comunicare insegnamenti necessari alla sopravvivenza, avvertimenti in casi di pericolo, conteggiamenti, ruoli e sfide pur non utilizzando un vocabolario.

“La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto.”- Peter Drucker

Ma torniamo ad occuparci dell’essere umano. Abbiamo detto che comunicare pertanto è mettere in comune, rendere partecipe. Quante volte invece abbiamo realmente difficoltà di rendere partecipi al nostro vissuto anche le persone a noi più vicine?

Come mai abbiamo una così reale e importante difficoltà di comunicare? Sarà forse tutta colpa di quel 90%…?

Ma non voglio divagare troppo e non credo che abbia senso entrare in discorsi psicologici, per andare ad analizzare il perché di un certo atteggiamento.

Capire se è dovuto al proprio vissuto educativo che influenza le scelte attuali, in base a credenze sviluppate attraverso esperienze traumatiche proprie o di altri. Si, è probabilmente così.  Sicuramente lo potete fare.

Forse tutti quanti dovremmo andare da un’analista, stando in cura per qualche anno, rovistandoci come un calzino per rimettere a posto ciò che non ha funzionato nell’infanzia.

Ma oggi, cosa posso fare per migliorare subito la mia comunicazione e migliorare automaticamente le mie relazioni?

“Il fallimento di una relazione è quasi sempre un fallimento di comunicazione. “- Zygmunt Bauman

Personalmente, ho avuto modo di conoscere e studiare un tipo di comunicazione molto efficace, pertanto vorrei rendere partecipi più persone possibili a questa pratica.

In effetti, questo approccio sarà oggetto di due corsi di formazione che terrò a breve in Umbria (Perugia e dintorni) durante il 2019, uno per genitori ed un’altro per insegnanti.

Nel caso tu fossi interessata/o, puoi contattare l’associazione BAMBINO IDEALE scrivendo un’email a: bambinoideale@gmail.com.

Come sempre, serve la buona volontà di mettersi in gioco e un forte desiderio di imparare cose nuove, ma è relativamente accessibile a tutti sia come impegno, come difficoltà di applicazione che come investimento economico.

Questa metodologia è particolarmente efficace per creare delle relazioni significanti, dei forti legami durevoli nel tempo, ma anche di recuperare le relazioni problematiche diminuendo i conflitti attuali.

Stiamo parlando di Comunicazione Non Violenta e di Educazione Alla Vita applicabile sia nella famiglia che nella scuola.

Questo tipo di approccio è stato promosso e testato da diverse personalità di spicco anche nel campo dell’educazione come  lo psicologo Marshall Rosemberg creatore del metodo CNV, formatore in progetti finanziati dall’ Unescu e creatore di programmi di pace in conflitti internazionali e lo psicologo clinico Thomas Gordon, entrambi allievi dello psicologo fondatore del counseling Carl Rogers

“Nella civiltà della comunicazione tutti parlano, straparlano, strillano. Il pensiero fugge inorridito.”- Fausto Gianfranceschi

Tornando al nostro scopo, cioè di imparare a migliorare, oppure di recuperare, una relazione problematica con i nostri figli, dobbiamo prima di tutto capire quale è il nostro approccio educativo.

Diventare consapevoli delle nostre modalità ed essere disponibili ad accettare che ci sono alternative che prima non conoscevamo è fondamentale.

Ora parliamo di un errore molto comune nelle relazioni genitore – figlio, quello di non saper sempre individuare se il problema appartiene al figlio o al genitore.

Ad esempio, spesso potrebbe capitare che il problema venga attribuito al figlio considerandolo problematico, quando in realtà provare risentimento, disapprovazione o frustrazione, dovrebbe essere un chiaro segnale del fatto che il problema è del genitore.

Mettiamo che un figlio non compie la sua parte di lavoro in casa, solitamente diciamo che non è collaborativo, che è uno scansafatiche etc. Comunemente pensiamo che il problema sia il figlio.

In realtà questo tipo di comportamento attuato dal bambino è in netta contrapposizione con un bisogno del genitore.

Di fatto, considerando inaccettabile uno specifico comportamento, il problema, (la difficoltà, l’emozione) è del genitore, ma si cerca di agire inefficacemente lo stesso sul bambino. Solitamente iniziano le ramanzine e le critiche, i ricatti o le punizioni.

“La tendenza a giudicare gli altri è la più grande barriera alla comunicazione e alla comprensione.” – Carl Rogers

In realtà tutto questo provoca solo sensi di colpa e abbassamento dell’ autostima, o al contrario resistenza da parte del figlio o, in alcuni casi anche rivolta contro il genitore.  Ma allora, come bisogna fare per risolvere questo problema?

Attribuendo ingiustamente a loro il problema, rimproverandoli, punendoli etc. in realtà otteniamo che si sentono umiliati, respinti, non amati, criticati e  inadeguati, oppure si vergognano. In ogni caso lo percepiscono come un’ingiustizia.

Invece, quando capiamo che il comportamento del figlio è inaccettabile per me genitore, perché giustamente interferisce con il mio legittimo diritto di ottenere collaborazione, sono io genitore a sentirmi deluso, infastidito, etc.

Allora sono io che devo comunicare al figlio con onestà l’effetto che il suo comportamento ha su di me. Serve una buona dose di coraggio per inviare un sincero messaggio esprimendo i più profondi bisogni, aprendosi e rivelare la propria umanità.

Su questo punto, la maggior parte di noi non è particolarmente bravo, dato che i nostri genitori ci hanno sempre insegnato di essere forti, di essere grandi e non fare le “femminucce”. Invece, sarebbe auspicabile esprimere i propri bisogni con sincerità, per favorire l’intimità nelle relazioni.

“La vera comunicazione ha luogo soltanto tra persone di uguali sentimenti, di uguale pensiero.” – Novalis

Invece di alienarsi a vicenda, così facendo, genitori e figli imparano ad essere sinceri, a mostrarsi per quello che sono realmente.

Allora, la prossima volta che tuo figlio non riordina la sua cameretta, prova a dirgli con voce calma e senza gridare, che la cosa ti provoca molto fastidio e che stai cercando una soluzione, ma che è indispensabile che la soluzione trovata vada bene ad entrambi.

Ovviamente non bisogna rimproverare o criticare utilizzando un linguaggio giudicante, ma al contrario assumendosi la responsabilità della propria emozione.

Cercare insieme a lui un’ accordo in grado di soddisfare il tuo bisogno, cioè il bisogno di non provare più fastidio, lo renderà contento di essere stato considerato nella relazione, di essere ascoltato, di essere utile al genitore e di aver ricevuto la fiducia di essere anche lui in grado di portare soluzioni valide.

Dobbiamo imparare a trattare i figli con rispetto, cercando la loro collaborazione invece che imporci utilizzando il nostro potere su di loro. Questo non solo perché non è efficace, ma anche e soprattutto per evitare che durante l’adolescenza ci facciano poi pagare il conto.

“La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto.” – Peter Drucker

Nonostante questo è soltanto uno dei segreti della comunicazione, spero che l’argomento trattato oggi ti possa essere utile a migliorare la tua relazione con i tuoi figli e che possa allargare questo insegnamento a tutte le tue relazioni.

Questo piccolo assaggio di comunicazione non violenta verrà approfondito prossimamente, come ti ho anticipato prima, con dei corsi specifici sia per genitori che per insegnanti.

Inoltre c’è la possibilità di seguire un percorso di consulenza personalizzato in base al tipo di problema riscontrato concretamente, quindi valutando caso per caso.

Dato che il mezzo di comunicazione più potente di tutti è il passaparola, anche se consideri che non serva a te personalmente, ti prego di inviare questo articolo alle persone cui vuoi bene, ai tuoi amici o di condividerlo semplicemente sui social, per dare una possibilità concreta a più persone possibile di migliorare la relazione con i propri figli.

Questo è sicuramente un modo per aiutare i genitori a gestire meglio i figli, ma è anche e soprattutto un modo per migliorare di conseguenza tutte le pratiche educative rivolte alle generazioni attuali.

“Il più grande ostacolo nel comunicare ce lo portiamo dentro, è il nostro orgoglio.” – Andrea Gasparino

Ci sono moltissime teorie, tante pratiche efficaci, quindi molto possiamo fare, ma partiamo dalle cose piccole. Come promesso, questo tipo di approccio è accessibile a tutti. Basta volersi mettere in gioco e provare.

Per non perderti ulteriori articoli sull’educazione iscriviti alla newsletter di Bambino Ideale o segui la pagina facebook bambino ideale mettendo il like alla pagina.

Buona comunicazione 😉 e al prossimo articolo!

SCUOLA IDEALE – CHE INSEGNANTE SEI?

professore

È ricominciata la scuola dopo la pausa per le vacanze estive. Si ritorna a pieno ritmo con rientri pomeridiani, ripetizioni, compiti per casa etc.

Ti vorrei fare una domanda.  Secondo la tua esperienza, chi è più felice che ricominci un nuovo anno scolastico tra un insegnante e un allievo?

Come si dice, croce o delizia…  Secondo le esperienze che mi riportano e che posso costatare intorno a me,  più croce per tutti! Sembrerebbe quasi un’affermazione gioiosa, ma non lo è per niente.

Per quello che è la mia esperienza e quella delle persone che ho avuto modo di conoscere, ne alunni ne insegnanti sono felici di tornare a scuola! Chissà perché sono in pochissimi ad esserne veramente contenti di andare a scuola?

“Come insegnante possiedo un potere tremendo, il potere di rendere la vita di una persona una tragedia oppure di riempirla di gioia.”- Haim Ginott 

Gli insegnanti si preparano ad una già nota e faticosa ulteriore esperienza della durata di due quadrimestri.

A causa delle difficoltà che incontreranno nelle classi, e visto il ricordo dell’esperienza degli anni precedenti ,è probabile che aspetteranno con gioia gli week-end e le vacanze per recuperare le energie psicofisiche perse.

A loro volta, gli alunni si preparano ad affrontare nuovi compiti e interrogazioni, preoccupati dal ricordo delle paure e insuccessi vissuti negli anni precedenti, sempre aspettando con gioia il week-end e le vacanze per scaraventarsi nella più totale indolenza.

Gli unici contenti di andare a scuola sono i pochi migliori della classe (detti anche “secchioni”) o i bambini della prima elementare, quindi alla loro prima esperienza. Non è raro che, con l’aiuto dei genitori, quest’ultimi hanno idealizzato una improbabile futura fantastica esperienza scolastica.

“Dobbiamo prendere gli allievi come sono, e richiamare ciò che essi hanno dimenticato, o studiato sotto altra nomenclatura. Se l’insegnante tormenta i suoi alunni, e invece di cattivarsi il loro amore, eccita odio contro sé e la scienza che insegna, non solo il suo insegnamento sarà negativo, ma il dover convivere con tanti piccoli nemici sarà per lui un continuo tormento.”- Giuseppe Peano

Incalzati dal senso del dovere, sollecitati a un ritmo inopportuno dal programma, appesantiti dal ricordo delle esperienze passate, sono tutti tormentati dal nuovo inizio. Invece potrebbe essere così diverso…

Una relazione di insegnamento che non sia cosi faticosa è possibile. Se solo si riscoprisse qualche altra modalità di insegnamento più funzionale e più coerente con il “vero” ruolo dell’insegnante.

Ci sono molti insegnanti che soffrono loro per primi l’insoddisfazione di vivere esperienze pessime a scuola. Infatti è molto frustrante provare ad insegnare a ragazzi che non ti ascoltano. Non essere seguiti durante le spiegazioni, rende molto faticoso per l’insegnate fare il proprio lavoro.

“Il compito dell’insegnante è semplice: scoprire qual è l’interesse di un fanciullo e aiutarlo a esaurirlo.” – Alexander Neil

Ma allora, se è così faticoso, se i risultati sono lontani da essere almeno soddisfacenti, se la gioia di insegnare è diventata un miraggio, perché si persevera nel farlo sempre allo stesso modo?

Prima di tutto, vorrei dire che ammiro e sono davvero impressionata dalla tenacia e dall’ elevatissima capacità di perseveranza nell’ insegnamento, nonostante le difficoltà che si vivono  quotidianamente in classe.

Pertanto insisti, continua ad insegnare nonostante tutto e porta avanti la tua vocazione per l’insegnamento. Quando hai scelto questo mestiere hai sentito come un richiamo più forte di altri e sicuramente sei portato per insegnare.

Altrimenti avresti fatto un qualsiasi altro mestiere. L’unica cosa che mi sento di dire, che se così non fosse, cerca di farlo comunque nel migliore dei modi. Metti in discussione il tuo approccio e cerca di imparare da chi ottiene risultati almeno soddisfacenti, perché hai comunque una grandissima responsabilità.

“L’insegnante è la persona alla quale un genitore affida la cosa più preziosa che possiede suo figlio: il cervello. Glielo affida perché lo trasformi in un oggetto pensante. Ma l’insegnante è anche la persona alla quale lo Stato affida la sua cosa più preziosa: la collettività dei cervelli, perché diventino il paese di domani.” – Piero Angela

Se invece pensi di poter utilizzare la tua carica, il tuo dinamismo e la tua perseveranza in maniera migliore, sarebbe forse il caso di riflettere sul perché non riusciamo a cambiare qualcosa nel atteggiamento di questi ragazzi.

Mi spiego meglio. Se fossero davvero loro il problema, allora si comporterebbero allo stesso modo con tutti gli insegnanti.

Quindi, se i tuoi alunni, con gli altri insegnanti si comportano diversamente da come lo fanno con te, allora perché non imparare magari da loro? Quali sono i loro trucchi, i loro segreti?

Te lo sei mai chiesto? Perché alcuni hanno quel tipo di carisma che riescono a inchiodare al banco e coinvolgere anche il più agitato dei disturbatori.

“Il miglior insegnante è quello che suggerisce invece di dogmatizzare, e che ispira nell’allievo il desiderio d’insegnare a sé stesso.”- Edward Bulwer-Lytton

Quale insegnante può mai avere successo con i ragazzi, se non crede nelle loro  capacità di cambiamento e se non ha per primo fiducia in loro e nelle loro capacità?

Bisogna invece sempre credere che un loro cambiamento è possibile, sapere con certezza assoluta che, sia l’educazione che l’apprendimento, sono dei processi continui di cambiamento.

E se ti dicessi che non è molto importante neanche quello che insegni. Magari lo è abbastanza il modo in cui lo insegni, sicuramente il coinvolgimento in prima persona  da più frutto, ma quello che conta più di tutte le altre è quello che ti motiva all’insegnamento.

Questo è quello che maggiormente funziona, che più coinvolge, la tua passione. Questo i ragazzi lo sentono, lo vedono e la qualità del tuo lavoro puntualmente viene influenzata.

“Sono un insegnante, lo sono sempre stato e amo essere un insegnante, ma solo di recente ho scoperto che non insegno niente a nessuno. Io posso essere, al massimo, un euforico, meraviglioso, magico facilitatore della conoscenza.”- Leo Buscaglia

Concorderai con me che anche per te i veri insegnanti non sono stati quelli che ti hanno riempito la testa con un sapere precostituito, ma quelli che ti hanno stimolato un nuovo desiderio di sapere.

Molte volte invece hai trovato degli insegnanti che erano rigidi nei loro pensieri, fermi nelle proprie abitudini e con la sovranità del ruolo conferitogli esercitavano il proprio potere sugli alunni.

Vorrei che ricordassi la paura e come ti sentivi quando venivi punito o rimproverato davanti ai tuoi compagni, anche quando, provando a dire la tua versione dei fatti, venivi comunque frainteso nelle intenzioni.

A volte l’insegnante può diventare presuntuoso. È molto facile per le persone che insegnano diventare più ostinate, perché si fa un tipo di mestiere di qualcuno che le cose le sa, e che presumibilmente non si ha mai torto.

“Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che prova la stessa sinfonia.” – Daniel Pennac

È importante non rimanere fermi a criticare gli altri o a biasimare se stessi per le difficoltà o gli insuccessi che si sperimentano quotidianamente. Quello che sicuramente invece è utile è imparare cose nuove, sempre cercando il modo migliore per segnare il cuore dei ragazzi.

Essere d’ispirazione per loro, un modello da imitare, risvegliando in loro la stessa passione che motiva te.  Lo sai benissimo che puoi cambiare la traiettoria della vita di alcuni ragazzi e questo per un insegnante non ha prezzo.

E se lo facessimo con un po’ di leggerezza? Perché la scuola deve essere paura e sofferenza. È davvero l’unico modo utile all’apprendimento?

Se invece di usare le interrogazioni e i compiti in classe verificassimo quello che hanno imparato attraverso dei giochi intelligenti? Sarebbe sicuramente una modalità a loro più vicina, ci sarebbero meno resistenze e più partecipazione.

Ci sono tanti modi per imparare la precisione nelle esecuzioni, imparare una nuova lingua o il linguaggio non verbale, oppure acquisire attitudini collaborative ad esempio. Spesso scegliamo il modo più difficile, invece che assecondare la loro naturale predisposizione ad apprendere.

“Un insegnante ha effetto sull’eternità; non può mai dire dove termina la sua influenza.”- Henry Adams

L’apprendimento ha come condizione primaria il benessere fisico, psichico ed emotivo. Pertanto, tutti ci si dovrebbe preoccupare prima di tutto di assicurarci che gli alunni non abbiano alcun disaggio, prima di pretendere che possano imparare qualcosa.

Mi auguro che tu faccia parte di quella tipologia di insegnante che ha a cuore il benessere dei ragazzi in tutte le sue sfaccettature. Quel tipo di insegnante che sia un maestro, una guida per i propri ragazzi.

Ti auguro di renderti il più possibile indispensabile nella vita dei ragazzi inizialmente e solo successivamente, quando avrai risvegliato la gioia d’imparare, di renderti progressivamente superfluo.

“In una classe, l’insegnante si aspetta di essere ascoltato. Lo studente pure.” -Ernest Abbé

GENITORE IDEALE -IL TUO È UN AMBIENTE ORDINATO?

AMBIENTE ORDINATO

Ordine o disordine…  Non prenderla subito sul personale, non ti sto mica criticando e non voglio dirti come ordinare casa tua, ma…

Ho sentito la necessità di scrivere quest’articolo sull’ambiente, in seguito ad un’esperienza personale che ho vissuto recentemente. Ho appena fatto un trasloco, quindi mi sono trasferita da un’abitazione in un’altra nella quale vivo attualmente.

“Io sono me più il mio ambiente, e se non preservo quest’ultimo non preservo me stesso.”- José Ortega y Gasset 

Non era la prima volta che cambiavo casa nella mia vita, anzi, ho vissuto in ben dieci case in quasi quarant’anni e questa non era altro che l’undicesima della lista e probabilmente neanche l’ultima.

Ma questa volta ho vissuto questo cambiamento con una consapevolezza diversa rispetto alle altre volte. In seguito agli studi montessoriani che mi hanno permesso di approfondire la relazione che c’è tra l’educazione nell’ infanzia e l’ambiente, ho potuto riflettere molto sia sul trasloco attuale che sui passati cambiamenti di ambiente vissuti precedentemente.

Come in ogni trasloco degno di questo nome, per qualche giorno, a volte per delle intere settimane, si vive in un caos quasi assoluto. Per la paura di non fare in tempo si iniziano a fare le scatole con diversi giorni di anticipo e ad incartare tutto.

“Il nostro contributo al progresso del mondo deve consistere nel mettere ordine nella nostra casa.” – Mohandas Gandhi

Dopo qualche giorno vissuto in un ambiente così disordinato e caotico però, inizia a presentarsi una sensazione di sconforto talmente fastidiosa al punto da destabilizzarci nel vivere la nostra quotidianità.

Nonostante per me questo è stato il più impegnativo di tutti i traslochi precedenti per il notevole quantitativo di cose da spostare, compresi anche molti mobili, fortunatamente mi è successo di affrontare la situazione in maniera molto stancante ovviamente ma comunque poco destabilizzante.

Quindi mi sono domandata il perché questa volta fosse stato diverso dalle altre volte…

Volevo capire perché altre volte ho subito un vero shock nel cambiamento di abitazione ed invece questa volta no, o comunque perché l’ho affrontato molto più serenamente.

“Qualunque cosa la mente umana si trovi a dover comprendere, l’ordine ne è una indispensabile condizione”.- Rudolf Arnheim

Come suggerisce anche il metodo montessoriano, è assolutamente vero che l’ordine delle idee segue e  viene determinato da un preciso ordine delle cose, ma è verissimo anche che l’ordine delle cose procede secondo un preciso ordine delle idee se questo è ben chiaro e consolidato.

Quando si preparano le scatole con anticipo, si tende a incartare gli oggetti di scarso utilizzo. Questo è sicuramente un buon metodo per avvantaggiarsi, ma c’è un problema che tutti quelli che hanno traslocato almeno una volta facendo così conoscono molto bene.

Dopo poco, si raggiuge un tale numero ci scatole che è impossibile ricordare la collocazione di ogni oggetto. Pur scrivendo il loro contenuto, non è possibile riportare sulla scatola il nome di ogni oggetto contenuto all’interno.

Questa modalità produce un caos e una confusione da impedire di avere la capacità di sostenere una mente serena e un ordine di idee cosante. Se questo stato viene prolungato nel tempo abbastanza a lungo, crea una sensazione di stanchezza mentale, di destabilizzazione e di confusione tale da modificare lo stato d’animo e la serenità della persona.

“La natura è ordine e l’ordine è razionalità.” – Aristotele

Personalmente ho resistito all’impulso di fare le scatole per tempo, ho tenuto duro fino all’ultimo senza cedere alla paura di non fare in tempo a fare tutto.

Per prima cosa ho iniziato a liberare e predisporre l’ambiente destinatario ad accogliere tutto ciò che sarebbe arrivato.

Poi è iniziato lo spostamento facendo le scatole cassetto per cassetto, un ambiente alla volta,  cercando di mantenere il più possibile la collocazione originale di ogni oggetto.

Ho cercato in sostanza di avere sempre ben chiaro in mente il contenuto di ogni scatola per ogni cassetto di appartenenza

In somma, appena portato le cose nella nuova casa e rimontato i mobili, le cose all’interno delle scatole erano già presenti nelle rispettive stanze di provenienza e ritrovavano quasi subito la loro collocazione originaria.

“Per essere disordinati bisogna avere molto tempo da perdere”. – Roberto Gervaso

Mi sono chiesta da dove proviene quest’ amore per l’ordine…per le cose fatte in un determinato modo, con un certo rigore di pensiero…

Non sono maniaca dell’ ordine in casa da farla diventare un museo, non ho fissazioni ossessive ed ho addirittura delle cose ancora da sistemare in alcuni scatoloni.

Ma ogni scatola è nella sua stanza di appartenenza, in attesa di ritrovare il suo posto su una mensola da rimontare o su uno scafale ancora da comprare, e so esattamente dove trovare qualsiasi cosa potessi mai cercare.

 “Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente” – Maria Montessori

E quindi ho capito, mi sono ricordata le parole del mio professore quando parlava dell’ ambiente Montessori.

Non è il segno d’un carattere sottomesso a una disciplina esteriore, ma piuttosto interiore.

Non è una repressione degli istinti, ma semplicemente un rigore e una precisa sequenza logica delle cose necessarie all’esterno per ottenere una sicurezza e una stabilità all’interno di noi stessi.

L’ordine e il rigore dell’ambiente montessoriano favorisce la costruzione di una maggiore sicurezza che permette ai bambini di essere più coraggiosi, di esplorare e sperimentare cose nuove, di osare di più.

La giusta combinazione di libertà e di responsabilità che fanno di un bambino un futuro adulto socialmente integrato e consapevole del ruolo che ha nella società, sono frutto anche della struttura dell’ ambiente circostante.

“L’amore per l’ambiente non dovrebbe essere solo quello, sottilmente egoistico, che mira a valorizzarlo e a migliorarlo per rendere la vita più piacevole e più sana, ma è un dovere, un imperativo morale di rispetto quasi sacrale per madre natura che crea e nutre tutte le specie, quella umana compresa”  – Umberto Veronesi

In effetti, un bambino che ha avuto modo di sperimentare un ambiente tranquillo, organizzato, ordinato sarà un adulto molto più sicuro di sé, sicurezza determinata da un sottile rigore mentale e logico che da una sana certezza interiore.

Al contrario chi ha vissuto o continua a vivere in ambienti disordinati e confusionari, è molto probabile che siano a loro volta disordinati, e vengano influenzati anche emotivamente da un senso di insicurezza, di precariato e di incertezza.

Questo non significa diventare ossessionati dalla sistemazione della casa o dalle pulizie, ma essere magari attenti che gli oggetti siano sempre al loro posto quando non vengono utilizzati.

Se capita invece di cambiare il posto ad alcuni oggetti presenti in casa e che sono di utilizzo comune, anche i figli dovrebbero essere informati quando decidiamo che questi oggetti debbano essere collocati altrove.

In questo modo, oltre che dare un senso di sicurezza come dicevamo, stimoliamo anche l’apprendimento di una regola non scritta di rispetto e considerazione verso gli atri e si facilita una buona convivenza.

“La mamma ha uno strano concetto dell’ordine: lo confonde con la geometria…. Vuoi mettere che bel colpo d’occhio, dopo che è passata la mamma? Che importa se tu non ci capisci più nulla?”  – Gianni Monduzzi

Inoltre se ci riferissimo ad un ambiente di apprendimento, dovremmo riuscire a renderlo ricco attività che stimolino l’interesse del bambino. I bambini amano sperimentare, imparare nuove cose e sono curiosi per natura, pertanto vanno solo incoraggiati e supportati a condurre le loro esperienza, al contrario di come spesso facciamo.

Ma questo è un altro discorso troppo complesso che merita di essere affrontato in un intero articolo per poter essere approfondito a dovere.

Intanto, potresti raccontarmi qual è il tuo pensiero riguardo all’ambiente o se hai mai sperimentato l’esperienza destabilizzante di un trasloco.

Se invece hai qualche dubbio o  ti serve qualche consiglio su come strutturare l’ambiente per il tuo figlio scrivi pure a bambinoideale@gmail.com per una consulenza personalizzata.

“È il disordine a renderci schiavi. Il disordine di oggi consuma anticipatamente la libertà di domani”. – Henri-Frédéric Amiel

Ordine o disordine… Io sono per un pizzico in più di ordine ma, se ordinare o mantenere ordinato ti stressa al punto di compromettere una sana convivenza, forse è meglio tollerare un pò di disordine e godersi magari qualche uscita in più da condividere con la tua famiglia.

Nessun eccesso fa bene e nessuno ha la risposta certa o la verità in tasca. La creatività a volte nasce dal disordine e le nostre necessità sono tutte soggetive.

Spero però che tu possa prendere qualche spunto per donare qualcosa di veramente importante a te stesso e al tuo figlio, un pò di serenità in più.  A presto!

GENITORE IDEALE- Cos’è l’educazione?

 

Cos’è l’educazione?

“Prima di sposarmi avevo sei teorie su come allevare i bambini. Ora ho sei bambini e nessuna teoria.”  – Jean Charles 

Ti sei mai chiesto cosa significhi educare e quale sia la modalità educativa migliore per te da mettere in atto con tuo figlio?

E soprattutto, a cosa punta il tuo metodo educativo, qual è quindi lo scopo finale della tipologia di educazione da te scelta?

Il problema è che molto spesso queste sono domande che non ci poniamo neanche…ma semplicemente ripetiamo le modalità apprese a nostra volta dai nostri genitori.

Pertanto utilizziamo le stesse modalità che sono state utilizzate con noi oppure, a volte capita di rifiutarle e agire nel modo completamente opposto da come hanno agito con noi.

“Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo, gli uomini si educano insieme, con la mediazione del mondo.” – Paulo Freire

Il problema è che in entrambi i casi agiamo impulsivamente, senza un vero scopo educativo, e quindi senza valutare le conseguenze nel lungo termine di ciò che facciamo.

Solitamente i bambini sono visti come dei vasi vuoti da riempire, piantine da raddrizzare, creta da modellare, etc. La nostra visione dell’educazione è quella di dover insegnare loro cose in base alla nostra esperienza.

Quindi, non appena pronunciamo la parola educazione, la prima cosa che ci viene in mente subito è che educare un bambino voglia dire insegnargli il rispetto delle regole.

“L’educazione è il mezzo attraverso il quale i genitori trasmettono i propri difetti ai loro figli. “- Armand Carrel

È piuttosto deprimente vedere come nella maggioranza dei casi non siamo in grado di vedere il loro potenziale enorme, il loro seme interiore pronto a germogliare in tutta la sua maestosità. Crediamo di doverli solo riempire dei valori della nostra famiglia, della cultura o della nostra società.

La maggior parte delle volte anche a scuola, siamo impegnati per lo più ad immettere nel bambino nozioni, abilità, competenze e apprendimenti senza minimamente valorizzare e potenziare quelle che sono le loro capacità e le loro abilità già presenti .

Il problema è che siamo tutti un pò degli indecisi. Non sappiamo bene nemmeno noi ciò che vogliamo dai nostri figli.

“Educare l’uomo è impedirgli la libera espressione della sua personalità. “- Nicolás Gómez Dávila

Affermiamo ad esempio a gran voce  l’importanza dell’autonomia nei ragazzi, però in effetti chiediamo loro di essere si autonomi, ma anche ubbidienti e di fare ciò che noi adulti abbiamo deciso che loro debbano fare.

Vogliamo che siano esseri liberi, ma chiediamo loro di esserci sottomessi. Vogliamo che diventino indipendenti, ma nello stesso tempo vogliamo che seguano sempre i nostri consigli diventando di fatto degli incapaci nel cavarsela da soli.

Ancora oggi utilizziamo un modello di educazione e di istruzione, molto diffuso nel secolo passato, che riflette una società di stampo comportamentista.

“Qualunque cosa soffochi l’individualità è dispotismo, con qualunque nome si chiami.”- John Stuart Mill

In effetti, gli esperimenti di Pavlov hanno dimostrato che si possono influenzare i comportamenti in base a determinati stimoli.

Molti di noi siamo cresciuti così e di conseguenza riproponiamo semplicemente le stesse modalità che abbiamo appreso. Pertanto, andando avanti potresti scoprire che il risultato della difficoltà della relazione che hai con tuo figlio ha radici proprio nelle modalità educative errate.

Se questo dovesse accadere e ti dovessi sentire in colpa per le tue azioni passate, ti chiedo di non biasimarti, semplicemente non conoscevi altre modalità.

Io stessa, nella mia esperienza personale, purtroppo per mio figlio, nei suoi primi anni di vita sia io che la sua prima scuola abbiamo adottato lo stesso sistema educativo fondato sul condizionamento e sul potere.

“I bambini vengono educati da ciò che gli adulti sono e non dai loro discorsi. “- Carl Gustav Jung 

L’importante è ciò che facciamo da ora in avanti, da adesso in poi sei sempre in tempo ad imparare nuove modalità educative sia più etiche che più efficaci a costruire o recuperare la relazione con il tuo bambino.

Oltre all’aspetto etico ampiamente discutibile, il problema maggiore dell’educazione con questa modalità proveniente da un modello derivante dalla psicologia comportamentista, tuttora molto utilizzato, è semplicemente il pessimo risultato che si ottiene.

Utilizziamo i premi e le punizioni, le caramelle e i castighi, utilizziamo il condizionamento per ricevere ubbidienza.

Quando ciò non succede perché i figli, gli alunni, i ragazzi non rispondono come vorremmo, gli adulti si sentono insultati, non rispettati, pervasi da un senso di rabbia, di dispiacere o d’impotenza.

Dal suo utilizzo un risultato è garantito, la perdita di fiducia immediata.

È una relazione impari dove c’è chi vince e chi perde, chi comanda e chi esegue, chi impone e chi obbedisce.

“Le ricompense e le punizioni sono la forma più bassa di educazione.” -Chuang-tzu

Uscendo dal ruolo di superiorità data dal essere adulto, si entra in un rapporto quasi paritario o comunque più democratico, con una conseguente perdita di potere sul bambino.

È decisamente un ruolo più scomodo per l’adulto ed è anche molto più impegnativo nell’immediato riuscire a rinunciare agli strumenti di potere, ma ne derivano dei risultati sorprendenti nella riuscita della relazione.

In questo modello educativo riconosciamo al bambino semplicemente uno dei suoi diritti fondamentali, IL RISPETTO della sua persona.

Se sei ancora qui a leggere, fino a questo punto, vuol dire che anche tu senti l’ urgenza di un cambiamento, che hai la voglia e l’umiltà di metterti in prima fila e di lavorare alla costruzione della migliore relazione possibile con il tuo figlio.

“Occorre liberare il fanciullo dalla schiavitù inconscia che reprime le sue migliori energie, preparando un nuovo mondo per lui. “- M. Montessori

Abbiamo bisogno di riconoscere e rispettare la natura dei ragazzi, di incentrare il rapporto tra adulto e bambino su una tipologia di educazione più democratica e di utilizzare una comunicazione non violenta.

Cambiando il nostro modo di comunicare otterremo una relazione di fiducia, avremo dei bambini naturalmente propensi ad ascoltarci, a cooperare e disposti a vederci come guide ed a prenderci come modelli da seguire.

“Una società sana deve offrire possibilità per l’educazione dell’adulto pressappoco come si provvede oggi all’educazione scolastica del bambino.” – Erich Fromm

Se il tuo intento è di migliorare la tua relazione con il tuo bambino, se hai capito che quello che stai facendo non porta i risultati sperati, iscriviti alla newsletter o seguendo la pagina facebook di bambino ideale, per non  rischiare di perderti gli articoli futuri.

Inoltre,  se capisci che è soltanto una brutalità che si perpetua da secoli nei confronti dei più piccoli, continua a seguire intanto questi articoli pubblicati periodicamente sul sito, ma sappi che presto ci saranno delle importanti novità.

Sto lavorando ad un progetto molto più ampio e molto più importante che dovrebbe aiutare molti più genitori e spero di averti nella squadra che sostiene un cambiamento direi oramai inevitabile, oltre che necessario nella crescita futura dei nostri figli.

A presto!

GENITORE IDEALE – TI MERITI LA SUA FIDUCIA?

GENITORE IDEALE – QUANTA FIDUCIA HA IN TE?

Fiducia, che bellissima cosa, quando c’è… La fiducia è uno degli argomenti che più mi sta a cuore, lo considero uno dei fattori più importanti per costruire un’ottima relazione in generale, tanto più quando parliamo di bambini.

Pertanto, avendo io fiducia che questo sia un argomento che sta a cuore anche a te ;-), come avrai ben intuito, l’argomento di oggi sarà appunto la fiducia.

“Ciò che conta è avere sempre fiducia nel prossimo: può farcela da solo.” – Mirko Badiale 

Parliamo di fiducia solo perché in assoluto, è l’elemento principale in grado di garantire il successo di tutte le tue relazioni. Ma in questo caso parliamo dei bambini e quindi della nostra relazione con loro.

È il sogno di ogni genitore che i propri bambini siano ubbidienti, che l’ascoltino, che  abbiano fiducia in lui e che lo rispettino.

Concorderai con me anche sul fatto che, fintanto che sono piccoli, i nostri figli pendono dalle nostre labbra e prendono per buono tutto ciò che diciamo.

Giustamente, vogliamo essere rispettati, vogliamo che loro si fidino di noi, vogliamo che ci ascoltino ed eseguano quello che gli chiediamo.

“La fiducia non si impone, si ispira.”- Salvatore Canals 

La fiducia, accanto al rispetto e alla libertà personale, è uno degli ingredienti principali dell’amore.

Non può esistere amore senza il rispetto per l’altro e senza una fiducia quasi totale nell’altro. Altrimenti ci sarebbe sempre una resistenza, una limitazione, un rapporto incompleto e non totalmente autentico.

E quale amore può essere più grande di quello tra genitori e figli..?

Infatti, i nostri figli sono veri maestri di un amore profondo e incondizionato, e ce lo dimostrano attraverso la totale fiducia che ripongono in noi.

“Pochi riescono a dare vera fiducia, questo fa che pochi siano amati.”- Guido Ceronetti

Spero che tu non sia tra coloro che pensano sia corretto imporre ai bambini di doverci dare la loro fiducia e di pretendere il loro rispetto solo per il nostro status di genitori o per la nostra presunta superiorità data l’età anagrafica maggiore.

A mano a mano che crescono però può capitare che si allontanino da noi, che diminuisca gradualmente la fiducia che invece prima nutrivano incondizionatamente nei nostri confronti.

Eppure, purtroppo spesso hanno ragione loro, non sempre ce la meritiamo, non sempre riusciamo a comportarci nel migliore dei modi. Parlo di un modo da favorire e preservare nel tempo la loro fiducia incondizionata.

“Un uomo che è stato l’indiscusso favorito di sua madre mantiene per tutta la vita l’atteggiamento interiore di un conquistatore, quella fiducia nel successo che di frequente porta al successo effettivo.” – Sigmund Freud

Come dicevamo, loro si fidano di noi, fin dalla nascita siamo il loro unico punto di riferimento. È fondamentale chiederci però se noi lo facciamo a nostra volta con loro. Noi rispettiamo loro e abbiamo la stessa fiducia che hanno loro in noi?

Non colpevolizzarti se ti è capitato qualche volta di averlo trattato in maniera poco rispettosa ad esempio paragonandolo ad altri, oppure giudicandolo.

Non è sicuramente per cattiveria che quella volta non hai creduto in lui e non gli hai dato modo di rimediare quando ha sbagliato, ma hai reagito semplicemente urlando e perdendo la calma.

Non è nemmeno perché tu non ami il tuo bambino che non hai ascoltato le sue vere motivazioni, ma l’hai punito perché così avrebbe imparato la lezione.

“La fiducia è la forma più alta di motivazione umana. Fa emergere quanto c’è di meglio in assoluto nelle persone.” -Stephen Covey

Ho chiesto a mio figlio quale sia secondo lui la caratteristica essenziale perché un genitore non perda la fiducia dei suoi bambini.

Sai che mi ha risposto..? “Le bugie mamma, non deve dire bugie. Deve provare a mantenere sempre le promesse fatte”. È curioso quanto siamo distratti, quanto è facile rovinare tutto per così poco.

Tra l’altro anche lui concorda che si tratti di una caratteristica presente nei bambini fin dalla nascita. Mi ha detto, “Certo che ci si fida già alla nascita, come si fa a non fidarsi di chi ti ha portato nella pancia per 9 mesi e ti ha nutrito tutto il tempo?”

Magari semplicemente non ci hai pensato prima. Oppure ti hanno insegnato che utilizzando delle modalità diverse avresti ottenuto lo stesso la fiducia e il rispetto di tuo figlio. O magari pensavi che sia comunque suo dovere rispettarti anche quando sbagliamo, perché i figli devono essere rispettosi a prescindere.

E se incominciassimo ad essere più attenti al nostro atteggiamento, creando delle relazioni più empatiche, fondate più sui legami e un pò meno sull’educazione intesa come impartizione di regole.

“In ogni cosa, la fiducia che si sa ispirare costituisce la metà del successo. La fiducia che si avverte è l’altra metà.” -Victor Hugo

Credi davvero che se tu rispettassi i suoi bisogni ascoltandolo e non giudicando a priori non avrebbe più fiducia in te?

Credi davvero che se tu se fossi una persona equilibrata che sa gestire le proprie emozioni, tuo figlio non ti rispetterebbe di più e quindi non avrebbe più fiducia in te?

Ti svelo un segreto, anzi due… ok, va bene, sono cinque… 🙂

  1. Tuo figlio ti rispetta e si fida di te se lo ascolti senza pregiudizio, senza giudicarlo a priori, ma  ascoltando le sue vere motivazioni e i suoi sentimenti. Se sei disposto ad ascoltare senza giudicare si fiderà di raccontarti anche cose che normalmente nasconderebbe per evitare punizioni.
  2. Tuo figlio perde la fiducia in te e non ti rispetta più se lo umili paragonandolo agli altri, ma al contrario apprezza la sua unicità ed i propri sforzi. Perché se sbaglia è solo perché ancora non ha imparato come si fa. Insegnagli a rimediare, non l’ha mica fatto apposta perché voleva sbagliare di proposito.
  3. Tuo figlio non perde la fiducia se sai mantenere la calma, anche quando devi dire di no. Se riesci a controllare la tua frustrazione e sai gestire anche la sua frustrazione e magari anche il suo rifiuto, lo porterai ad assecondarti senza che lui provi a calpestare la tua autorevolezza.
  4. Se tu hai fiducia in te stesso, se credi nelle tue capacità senza giudicarti tutto il tempo, se sei fermo e  coerente con ciò che dici, lui ti prenderà come modello e si fiderà delle tue indicazioni.
  5. Abbi fiducia di ciò che senti dentro, solitamente è giusto, è questa la tua vera guida. La fiducia è costruita sull’esperienza del successo. Prova e riprova, aggiusta il tiro e ogni volta lasciati guidare dai risultati che ottieni. Non ci sono ricette perfette che devi seguire, ma semplicemente ascoltarti e ascolta lui.

“L’uomo diventa spesso ciò che crede di essere. Se si continua a dire che non si riesce a fare una certa cosa, è possibile che alla fine si diventi realmente incapaci di farla. Al contrario, se ha fiducia di poterla fare, acquisterà sicuramente la capacità di farla, anche se, all’inizio, magari non ne era in grado.” – Mohandas Gandhi

A proposito, sapevi che in base a quanto noi crediamo in loro e a quello noi pensiamo sul loro conto, il nostro pensiero e le nostra convinzione si rivelerà determinante per il successo o l’insuccesso dei nostri figli?

Per approfondire questo aspetto anche in relazione alle performance scolastiche, ti consiglio di leggere questo mio articolo sull’effetto PIGMALIONE.

Noi genitori siamo determinanti nella formazione del carattere dei nostri figli e di come affronteranno la vita. In alcuni momenti, ahimè, la vita sarà poco clemente e non c’è regalo più grande che gli puoi fare oggi che insegnargli ad avere fiducia.

Fiducia in te, come porto sicuro dove fare ritorno dopo ogni avventura. Fiducia in se stesso per affrontare senza paura le difficoltà della vita. Fiducia negli altri per poter sperimentare l’amore.

“La fine del mondo è quando si cessa di aver fiducia. – Madeleine Ouellette”-Michalska

Raccontami cosa ne pensi delle difficoltà che hai nel rapporto con i tuoi figli, del tipo di relazione che attualmente vivete.

Se hai avutto invece a che fare con divergenze e perdita di fiducia per una tua personale esperienza, mi piacerebbe se la riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!

PROBLEMI? – COUNSELOR, UN AIUTO CONCRETO

PROBLEMI? – COUNSELOR, UN AIUTO CONCRETO

Sentiamo molto parlare di counselor, ma chi è il counselor e che cos’è sto benedetto counseling?

Ora ne parliamo cercando di mettere in evidenza le distinzioni con le altre professioni e cercando soprattutto di capire quando ci può servire rivolgerci ad un counselor.

Il counseling è una nuova professione riconosciuta dalla legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella GU n. 22 del 26/01/2013″. Il counselor che raggiunge gli standard previsti dalla norma tecnica UNI (di cui alla direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 giugno 1998, e sulla base delle linee guida CEN 14 del 2010), ottiene una certificazione da parte di un organismo terzo indipendente accreditato presso l’Ente nazionale di accreditamento, quindi risulta iscritto nelle varie associazioni professionali.

 Il counseling è una relazione d'aiuto.

Se non riusciamo a inquadrare il problema, probabilmente, il problema siamo noi. -Mario Bucci

 Tutti abbiamo dei problemi, tutti noi nella vita incontriamo delle difficoltà, direi quotidianamente.

Queste difficoltà però non sempre sono dovute a problemi psicologici e non sempre sono destinate a diventare delle patologie. Non necessariamente abbiamo bisogno di un approccio medico a questi nostri problemi quotidiani.

Spesso non abbiamo bisogno di un professionista come ad esempio uno psicologo o uno psichiatra per risolvere le problematiche che incontriamo nella vita, nelle relazioni o con i nostri figli o genitori.

Più spesso abbiamo bisogno di un amico, come quando eravamo bambini “un amico del cuore”.

Se osservi abbastanza attentamente il tuo problema ti accorgerai di essere parte del problema. – Arthur Bloch

Eh si, va beh… un amico. E che ci vuole…? Mi potresti dire che tu hai già un sacco di amici e quindi sei a posto, non hai più bisogno di nulla, giusto?

Purtroppo non sempre abbiamo amicizie così profonde e tanto meno appositamente formate per poterci essere realmente d’aiuto. Inoltre pretendiamo da loro un aiuto che non sono in grado di darci.

Anzi, molte volte, in particolari momenti difficili della nostra vita, diventiamo delle vere e proprie “lagne”, gente da evitare, riuscendo ad allontanare i nostri amici.

Spesso abbiamo bisogno di parlare per poter risolvere un determinato problema, per avere una visione diversa, per non sentirci solo semplicemente ascoltarti ma innanzitutto capiti.  Ma non è tutto qui…

Il problema più grande: Non saper affrontare il problema. – Santy Giuliano

Oltre al fatto che il counselor può essere quella guida che ti aiuta a superare vari momenti difficili o problemi della tua vita quando questi non sono dovuti ad una patologia, è dotato di alcune caratteristiche che fanno si che può essere determinante nel superamento di queste difficoltà sia personali che relazionali.

Entriamo però nel dettaglio di che cosa significa realmente il counseling e di che cosa il counselor può fare per te concretamente, esaminando solo alcune delle sue caratteristiche, ma estremamente necessarie per poter svolgere la professione:

1) L’osservazione

La sua osservazione non è finalizzata a fare diagnosi, ma solo per aiutarti ad individuare ciò che ti crea sofferenza e quindi per aiutarti a cambiarlo.

Attraverso l’osservazione, il counselor ti aiuta a renderti consapevole delle tue emozioni e dei tuoi sentimenti, di quello che stai vivendo nel presente, quali sono le emozioni specifiche che ti guidano nelle tue scelte.

Ciò che fa la differenza, non sono gli ostacoli e i problemi che hai, ma come reagisci per affrontarli. La differenza la fai soltanto tu. – Santy Giuliano 

2) Ascolto

Per instaurare una buona relazione, l’ascolto deve essere asolutamente privo di giudizio.

L’ascolto è fondamentale per costruire delle relazioni basate sulla fiducia. Il counselor utilizza questo tipo di ascolto e ti aiuta a metterlo in pratica nelle tue relazioni.

I problemi sono solo opportunità in abiti da lavoro. – Henry John Kaiser

3) Fiducia

La fiducia che nasce da un ascolto senza giudizio e una roccaforte per tutte le relazioni. A prescindere dalla tematica che si affronta la fiducia viene determinata dalle capacità, dall’ascolto e dall’osservazione del counselor.

In questo modo, chiunque può imparare un nuovo modo di comunicare che può migliorare le proprie relazioni, indipendentemente dal problema iniziale.

È fondamentale creare migliori relazioni tra gli esseri umani e dare il proprio personale contributo a questo scopo. – Tenzin Gyatso 

4) Autonomia e libertà 

Bisogna anche specificare che il counselor non ti risolve i problemi, non ti da le soluzioni sostituendosi nelle tue scelte, ma ti aiuta a raggiungere le tue soluzioni, a risolverle da solo nella più totale libertà di agire.

Il counselor ti aiuta a trovare dentro di te le risorse per affrontarle le tue difficoltà, ti aiuta a migliorare la tua autostima, ad avere fiducia in te stesso e nelle tue potenzialità.

Ti aiuta a sperimentare nuove strade nuovi modi di approcciare i problemi.

È sempre caro agli dèi e agli uomini colui che si aiuta da sé. – Ralph Waldo Emerson

5) Accettazione incondizionata

Il counselor ti accetta per quello che sei senza giudizio, accoglie tutti i tuoi sentimenti senza giudicarti, perché comprende le debolezze umane. Il counselor sa che la vita è un continuo processo di crescita e di maturazione, che siamo tutti uomini in divenire.

Pertanto sarebbe inopportuno non accettare incondizionatamente le persone per quello che sono e semplicemente aiutarle nel momento che esse decidono autonomamente di migliorarsi.

Così si affrontano i problemi: agendo adesso! Agisci! Le uniche remore siete tu e le tue scelte nevrotiche, scelte che hai compiuto in passato perché non credevi di avere la forza che hai in realtà. Quant’è più semplice agire! – Wayne Dyer

Comprenderai quindi che a differenza del tuo migliore amico che, per quanto empatico possa essere, non è specializzato in un ascolto attivo, in un’osservazione senza giudizio o per accoglierti incondizionatamente.

Al contrario il counselor è preparato appositamente per aiutarti a riguadagnare la fiducia in te stesso, a recuperare la capacità di risolvere i tuoi problemi e a  vedere il problema da un altro punto di vista.

Il counselor non ti giudica, non si impone nelle tue scelte, non ridicolizza i tuoi errori passati. Il counselor non risolve i tuoi problemi al posto tuo e non ti da delle soluzioni pronte.

Il counselor è formato per aiutarti a superare i momenti difficili, affrontare un determinato problema, ma soprattutto per insegnarti come superarne altri in autonomia. Tutto questo con le tue risorse interiori che aspettano solo di essere individuate.

Il counselor ti fa da guida ti da sostegno, comprensione, ti aiuta ad essere più autonomo, a recuperare fiducia, ti insegna a utilizzare la tua unicità e le tue risorse per superare la difficoltà e recuperare serenità, il tutto in massimo 10 incontri.

Partendo da questi presupposti, è chiaro che il counseling non è terapia psicologica o psicanalisi ma piuttosto una rieducazione dell’essere umano, come dicevo inizialmente appunto una relazione d’aiuto.

"Educare è un aiuto alla vita". Maria Montessori 

A volte noi pretendiamo tutto questo dalle persone che abbiamo accanto a noi, dai genitori, dagli amici o dal patrner, che però non hanno possibilità di essere come noi vorremmo, a patto che non abbiano seguito corsi specifici.

In base al mio personale percorso intrapreso fino ad oggi, ti posso garantire che si può cambiare molto, noi possiamo cambiare e automaticamente possono cambiare le nostre vite.

Se vuoi raccontarmi delle tue difficoltà, della sofferenza che provi quando ti sembra di non avere alternative, se pensi di avere un problema per il quale il counselor potrebbe esserti d’aiuto clicca qui.

Se hai avutto invece a che fare con questo argomento da vicino, se per tua personale esperienza hai frequentato qualche counselor o qualche corso specifico, mi piacerebbe se lo riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!

GENITORE IDEALE -SOFFERENZA PER LA DIVERSITA’

 

GENITORE IDEALE -SOFFERENZA PER LA DIVERSITA’

In questi giorni, mentre stavo leggendo un libro sull’ adolescenza di ragazzi con la sindrome di Asperger, ho avuto conferma di alcune cose sulle quali avevo molto ragionato ultimamente, una di queste è la sofferenza.

Ho sempre pensato che una qualsiasi diagnosi crei una percezione di diversità, che possa aumentare alcune problematiche già presenti nelle nostre vite quotidiane, come in questo caso, la sofferenza di essere o di sentirsi appunto “diversi”, come se la diversità fosse necessariamente un difetto.

In effetti in questo libro si parla di varie problematiche, attraverso anche il racconto della storia vissuta da un ragazzo dall’infanzia, passandro per la preadolescenza ed anche poi, nell’adolescenza.

Così ho avuto ulteriore conferma di quello che ho sempre pensato, su una terribile sofferenza causata soprattutto dalla solitudine, dovuta al fatto di sentirsi diversi.

“La sofferenza peggiore è nella solitudine che l’accompagna.”- André Malraux (La condizione umana, 1933)

Una solitudine forzata, una non appartenenza al gruppo dei “normali”, una sofferenza causata primariamente dal sentirsi diversi, molto più che dal venire trattati da diversi, rischio che aumenta notevolmente in presenza di patologie o di disturbi di qualsiasi tipo, sia visibili che non.

I cosiddetti ragazzi “normali” possono vivere il periodo adolescenziale con tutte le sue difficoltà, ma con una grande certezza, quella di appartenenza ad un gruppo di loro simili, indipendentemente che si tratti del gruppo famiglia, gruppo d’amici o gruppo d’aggregazione sociale.

Può succedere ad esempio di vivere una situazione di incomprensione o di conflitto con la famiglia, ma loro prendono comunque vigore da un forte e stabile senso di appartenenza con il gruppo dei coetanei, un’unione che fortifica perché simili tra loro.

“Le sofferenze, dicono, migliorano l’uomo. Visti i risultati, proverei con la felicità.” – Pino Caruso

Ma ti sei mai chiesto cosa succede quando il ragazzo è diverso, si sente diverso o viene trattato diversamente e non riesce a inserirsi in un gruppo di suoi simili e creare quell’aggregazione e quel senso di sicurezza e di forza che solo l’unione di un gruppo di pari può darti?

Ogni giorno si sente come un alieno sulla terra, ancor più quando, trovandosi alle porte dell’adolescenza, il ragazzo acquisisce più consapevolezza della sua diversità.

Credo che questo provochi una sensazione di solitudine, come quando all’improvviso ci si trova completamente da soli catapultati in un paese straniero, dove non si ha nessuno e dove non si riesce neanche a comunicare nella lingua locale.

La sofferenza è aumentata ulteriormente dalla consapevolezza che non è un soggiorno temporaneo ma, al contrario la permanenza in quel paese straniero della sua “diversità” è definitiva. Un paese dove non esiste la certezza di una possibile integrazione imparando una nuova lingua per potersi fare dei nuovi amici.

Una sofferenza dovuta alla consapevolezza della quasi certezza che probabilmente non esiste una cura per riuscire in un prossimo, o forse nemmeno in un lontano futuro, di poter ritornare nel paese della “normalità”.

“Se fosse vero che le sofferenze rendono migliori, l’umanità avrebbe raggiunto la perfezione.”  – Alessandro Morandotti 

Ecco che, se è quasi normale che nell’adolescenza ci troviamo a dover affrontare varie problematiche di tipo psicologico, nei ragazzi “diversi” la depressione è quasi certa.

Ma come facciamo ad educare gli adulti che hanno interazioni con questi ragazzi, che non li capiscono e che spesso sono convinti che la sofferenza faccia loro solo bene, che la sofferenza rafforzi il carattere e che li tempri, che in qualche modo hanno bisogno di essere preparati alla vita che verrà?

Serve capire che la frustrazione derivante dall’insuccesso di qualsiasi tipo, in una situazione dove l’insuccesso è quotidiano e dove è diventato la norma, non tempra per niente ma anzi, riesce solo a far abbassare ulteriormente l’autostima e la capacità di credere in se stessi.

Serve capire che una frustrazione per dei desideri non realizzati, in una situazione dove il ragazzo non è per nulla contento di come sta andando la  sua vita, non lo rende ragazzo viziato, ma semplicemente li rende il quotidiano un pò più soddisfacente, dandoli più carica per affrontare un nuovo giorno di insoddisfazione, di insuccesso e di “diversità”.

Non è vero che la sofferenza nobilita il carattere; la felicità a volte lo fa, ma la sofferenza, il più delle volte, rende gli uomini meschini e vendicativi. – William Somerset Maugham

Non è forse vero che siamo tutti convinti che la frustrazione, l’insuccesso, la privazione ci rendano più forti? Che nel momento stesso in cui viviamo una situazione di disperazione, una grossa perdita o compiamo un grave sbaglio che ci costa molto in termini di perdite, è allora che diventiamo più forti e cresciamo?

Tutto ciò può essere tremendamente vero, lo credo fermamente anche io. Le più importanti lezioni le ho imparate in questo tipo di situazioni difficili che ho incontrato nella vita e sono state le più grandi occasioni di crescita.

Non possiamo negare però che accanto alle difficoltà incontrate, nessuno di noi ha avuto insuccesso in tutti i campi della propria vita. Magari hai avuto problemi di lavoro, ma ti hanno sempre sostenuto le amicizie ed i famigliari, dove trovavi sempre conforto.

Se hai avuto invece il partner che ti ha lasciato, magari sei uscito di più con degli amici e ti sei applicato di più nel lavoro facendo più carriera. È difficile che una persona subisca dei periodi talmente sfortunati da perdere tutto insieme e riusire contemporaneamente a rimanere comunque indenne, senza avere la necessità di un supporto psicologico.

“Non basta soffrire. Bisogna anche saper soffrire. Solo così il dolore educa, matura, riscatta.” – Roberto Gervaso

Tutto quello che serve è mettersi realmente in ascolto dei loro pensieri, conoscere i loro sentimenti, avere un pò di sensibilità e riuscire a vedere quale è la  loro situazione di partenza.

Infatti la sofferenza può essere utile, ma è una  questione di quantità, di riuscire come un’alchimista ad impiegare tutto nei giusti dosaggi.

A volte vogliamo motivali, spronarli a reagire, vorremmo solo che diventassero più grintosi, ma non sapendo bene come fare, usiamo dei metodi e delle modalità che riescono solo ad allontanarci da loro.

Non possiamo non preoccuparci del loro benessere emotivo prima di occuparci delle regole che dovrebbero rispettare. Per un ragazzo “diverso” è fondamentale avere una buona relazione empatica con le persone intorno a lui, sentirsi accettato per quello che è.

Noi vorremmo proteggerlo dalle difficoltà della vita, ma l’unica buona eredita che possiamo lasciarli è di volersi bene, accettarsi e amare la sua diversità.

Ma tutto questo non è possibile se noi per primi non lo accettiamo, non lo apprezziamo, non lo amiamo proprio perché è diverso, ed invece lo vorremmo normalizzare e conformare ad un modello.

Dato che nella nostra mente esiste un bambino ideale, quando vediamo questi ragazzi la nostra è prevalentemente una sofferenza per il fatto che loro non siano neanche un pò vicini a quel nostro modello.

Ci concentriamo su quello che il ragazzo non sa fare, su quello che non è, su quello che non sa, su quanto non sia come quel nostro ideale, come quello che la società ci dice che dovrebbe essere un ragazzo “normale”.

“Il grande errore umano è di soffrire. Guai agli infelici!  E l’universo trionfa nel cuore di uno scellerato soddisfatto.”   – Jean Rostand

Soprattutto nell’esperienza scolastica viene evidenziata una discrepanza enorme, difficilissima da colmare, tra quello che il ragazzo dovrebbe imparare e quello che realmente impara.

Il nostro sistema scolastico vorrebbe essere inclusivo ma è fortemente competitivo. Premia i risultati e mette in risalto laddove ci sono delle difficoltà, molto spesso provoca danni.

Queste difficoltà scolastiche si aggiungono a quelle già esistenti. Col crescere aumenta la possibilità che il loro equilibrio emotivo e di difficoltà di  socializzazione diventi ancor più precario.

Si aggiungono i turbamenti ormonali, vorrebbero maggiore vicinanza con gli altri ed anche avere più libertà e autonomia dalla famiglia. Necessitano di sentirsi parte di qualcosa, di andare a prendersi il loro spazio nel mondo, di fare le loro prime conquiste.

Ma come è possibile che loro possano fare tutto questo, se non abbiamo insegnato loro ad amarsi ,ad apprezzare le loro qualità, ad avere fiducia nelle loro capacità..?

Soprattutto come possiamo insegnare loro tutto questo, se noi per primi non riusciamo a vedere il bello che c’è nelle loro peculiarità, se non abbiamo fiducia che troveranno la loro strada pur diversa dalle nostre aspettative iniziali, se non trasmettiamo loro la nostra gioia per la loro unicità..?

“Non si può avere compatimento per gli altri, quando abbiamo troppo da soffrire per noi stessi.” – Luigi Pirandello

Raccontami cosa ne pensi delle difficoltà adolescenziali, del bisogno di frustrazioni per crescere, della sofferenza per solitudine dovuta alla diversità.

Se hai avutto invece a che fare con questo argomento da vicino, o con una tua personale esperienza, mi piacerebbe se la riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!

 

SCUOLA IDEALE – METODO MONTESSORI, UN AIUTO NELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO

maria montessori

SCUOLA IDEALE – METODO MONTESSORI, UN AIUTO NELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO

Nella scuola di oggi, regnano le difficoltà d’apprendimento. Nelle classi sono più i ragazzi con diagnosi (o senza diagnosi, ma che ne avrebbero bisogno), di quelli cosiddetti “normali”. Tra le numerose diagnosi troviamo termini come sindrome, deficit e disturbo.

Una cosa in particolare accomuna però tutti questi termini. Sono tutti rigorosamente di carattere neurologico e gestiti tutti dal DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali).

Si hai capito proprio bene, sono portatori di diagnosi di ogni tipo dovute a disturbi e deficit neurologici. Non nascondiamoci dietro ad un dito e diciamo le cose come stanno, in poche parole, a questi figli “non funziona bene il cervello”.

Ok, ora basta, ora torno ad essere me stessa. Che ci sono dei problemi non lo nega nessuno. Siamo veramente alle prese con mille difficoltà di apprendimento, ma che puntualmente cerchiamo di risolvere con un’unica soluzione, a parer mio, sbagliata.

“Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino”. – Maria Montessori

Proviamo a vedere perché dico che le soluzioni proposte sono sbagliate… Prima di tutto, qualsiasi soluzione che noi possiamo pensare di mettere in atto, non deve creare più problemi di quelli che avevamo in partenza e deve essere anche sostenibile.

Spesso, per ottenere dei programmi di studio personalizzati, ausili a supporto della didattica o altri strumenti compensativi o dispensativi che siano, in realtà etichettiamo creando solo una diversità che fa male, molto male al bambino.

Abbiamo bisogno di aiutare il ragazzo ad apprendere, ma allo stesso tempo lo mettiamo in condizione di sentirsi diverso dai compagni, incapace di imparare come gli altri, quindi automaticamente con problemi.

Più che in altri momenti della vita, nel periodo scolastico c’è una grande fragilità dovuta alla personalità che si sta ancora concretizzando. I ragazzi hanno un forte desiderio di riconoscimento sociale e nasce il bisogno di appartenenza, la voglia di fare gruppo.

Abbiamo bisogno di aumentare gli strumenti e le strategie per aiutarli a recuperare la dove ci sono difficoltà, ma c’è necessità di creare una scuola inclusiva.

Tutte queste modalità diverse, strumenti diversi, sicuramente utili per favorire l’apprendimento, dovrebbero essere a disposizione di tutti e non solo del “soggetto con difficoltà”.

Se ci sono canali multipli che permettono di arrivare allo stesso risultato, cioè ad apprendere una determinata abilità o competenza, perché dobbiamo ostinarci ad utilizzarne sempre solo uno e fare una deroga solo per lui, “quello diverso”?

“L’adulto deve farsi umile e imparare dal bambino a essere grande.” -Maria Montessori

Siamo presuntuosi, non li ascoltiamo… noi sappiamo già tutto quello di cui loro hanno bisogno e loro devono ascoltarci e fare ciò che noi abbiamo deciso per loro. Più loro si conformano alle nostre indicazioni, più siamo soddisfatti della nostra capacità di “educarli”.

Peccato che non si tratta di educazione ma di addomesticamento, di esercitare il nostro potere su di loro.

L’adulto non ascolta e non capisce il bambino, quindi è in una lotta continua con lui. Guerre di potere per ottenere la loro attenzione, per ottenere il loro silenzio in aula, per ottenere la loro ubbidienza, per ottenere il loro rispetto…

Si pretende il rispetto, avvalendosi solamente di un ruolo che è vero, ne è portatore in se stesso, ma che non dovrebbe essere questa l’unica motivazione del rispetto che loro dovrebbero nutrire nei nostri confronti.

Ma se togliessimo tutti gli strumenti di potere dalle mani degli adulti, in qualche modo gli insegnanti sarebbero costretti a trovare delle strade alternative.

Se provassimo ad eliminare i voti, le verifiche, le note sul registro, cosa rimarrebbe in possesso dell’insegnante per esercitare il suo potere sull’alunno? Esatto, nulla!!!

“C’è troppo poco umorismo nelle nostre scuole e certamente ce n’è troppo poco nelle riviste di pedagogia.” – Alexander Neill

Quindi sarebbe possibile portare l’alunno a seguirci e ad apprendere senza che sia in qualche modo costretto? In sostanza, se l’alunno non fosse obbligato dalla paura a studiare, dovrebbe essere motivato in un altro modo proprio dall’insegnante.

Come potrebbe fare un insegnante a motivare il bambino se non diventando lui stesso un catalizzatore attraverso la propria motivazione, la gioia nel fare il suo lavoro, la propria passione?

Il rispetto verso il ragazzo, per i suoi tempi, per le sue naturali inclinazioni e i suoi peculiari talenti, valorizzare le sue qualità, incitandolo a superare se stesso, forse diventerebbero questi gli unici strumenti utili.

Prendiamo qualche spunto e facciamo qualche riflessione con l’aiuto di Maria Montessori:

  • L’adulto non ha compreso il bambino e l’adolescente e perciò è in una continua lotta con lui.
  • Spesso, tra bambini e genitori, si invertono le parti. I bambini, che sono degli osservatori finissimi, hanno pietà dei loro genitori e li assecondano per procurare loro una gioia.
  • La figura del bambino si presenta possente e misteriosa, e noi dobbiamo meditare su di essa perché il bambino, che chiude in sé il segreto della nostra natura, divenga il nostro maestro.
  • I bambini sono esseri umani ai quali si deve rispetto, superiori a noi a motivo della loro innocenza e delle maggiori possibilità del loro futuro.
  • È necessario che l’insegnante guidi il bambino, senza lasciargli sentire troppo la sua presenza, così che possa sempre essere pronto a fornire l’aiuto desiderato, ma senza mai essere l’ostacolo tra il bambino e la sua esperienza.
  • Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire “i bambini stanno lavorando come se io non esistessi”.
  • L’educazione è un processo naturale effettuato dal bambino, e non è acquisita attraverso l’ascolto di parole, ma attraverso le esperienze del bambino nell’ambiente.
  • Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente.
  • Queste parole rivelano l’intimo bisogno del bambino, “Aiutami a fare da solo”.
  • Se si è imparato ad imparare allora si è fatti per imparare.
  • Il bambino è insieme una speranza e una promessa per l’umanità.

“Questo è il nostro compito nei confronti del bambino: gettare un raggio di luce e proseguire il nostro cammino.” -Maria Montessori

La società dovrebbe prodigare ai bambini le cure più perfette e più sagge, per ricavarne maggior energia e maggiori possibilità per l’umanità futura.

Spesso li vediamo solo come alunni, ci scordiamo della loro umanità, delle loro emozioni, dei loro bisogni e del loro benessere psicologico, mettendo l’attenzione solo sulle informazioni da memorizzare.

Li consideriamo vasi vuoti da riempire, steli storti di alberelli da raddrizzare, quando invece dovremmo essere semplicemente al loro servizio per aiutarli a trovare la loro strada, a fornirli gli strumenti perché imparino da soli, dalle esperienze e dalla vita, oltre che dalla scuola.

Dovremmo essere presenti in caso di bisogno, come un dizionario da consultare per dare un significato o chiarire un proprio pensiero. Un alleato fidato, una guida e niente di più.

Ricordiamoci che un ragazzo può venire escluso dal gruppo a causa della sua diversità, della sua etichetta. Inoltre speso viene identificato e valutato anche a casa in base al suo rendimento scolastico.

La sua vita privata e famigliare dipendente dalla sua pagella e la formazione della sua autostima e della sua personalità variano notevolmente in base al successo o all’insuccesso scolastico.

“La nostra pedagogia consiste nel riversare sui fanciulli risposte senza che essi abbiano posto domande, e alle domande che pongono non si dà ascolto.” – Karl Popper 

Per concludere, osservazione del bambino, rispetto per la sua natura, riconoscimento delle potenzialità individuali, ambiente, legami, gioia di insegnare e di guidare, pazienza, lavori di gruppo ed esperienze pratiche, sono tutti strumenti per favorire l’apprendimento nel rispetto della naturale predisposizione dei bambini.

E tu, cosa ne pensi del metodo montessori? Racconta pure la tua esperienza se ti va, infatti mi piacerebbe se la riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!

GENITORE IDEALE -QUANDO LA SCUOLA PROVOCA DANNI

QUANDO LA SCUOLA PROVOCA DANNI?

Pensiamo di essere aiutati nel compito di educare i nostri bambini, affidiamo la loro istruzione alla scuola, cerchiamo tutti di fare il loro bene e di garantire loro il diritto allo studio, l’accesso al sapere, però…

C’è un grosso però… a scuola tutti stanno male! Tutti subiscono la scuola, bambini, insegnanti e anche genitori … A volte la scuola provocca danni!

“Lo scopo della scuola è quello di formare i giovani a educare se stessi per tutta la vita.” – Robert Maynard Hutchins

Siamo molto fortunati perché viviamo in una società democratica, perché abbiamo più che mai, il diritto e la possibilità di esprimerci attraverso molti canali, raggiungendo facilmente ogni angolo del mondo.

Viviamo in un mondo che permette nella maggior parte dei casi una libertà diffusa. Molti sono consapevoli che vivere in quest’epoca offre molto di più di quanto non era mai capitato in passato, in termini di opportunità e di accesso all’istruzione.

Abbiamo reso la scuola obbligatoria, abbiamo addirittura creato delle leggi per regolamentare questo diritto all’istruzione, per essere sicuri che non ci sia sfruttamento del lavoro minorile e per garantire l’ accesso al sapere a tutti i bambini.

Eppure… spesso la scuola rischia di provocare danni, creando più problemi che altro.

“La scuola oggi è incapace di sviluppare quelle competenze e quei talenti che sono oggi necessari per continuare ad appartenere a una società industriale avanzata. È talmente distaccata dalle vere esigenze del mondo del lavoro da essere diventata, in larga misura, una fabbrica di disoccupati con la laurea.” -Piero Angela

Innanzi tutto, è stato detto e ridetto, è stato già sentito dire molte volte, la nostra scuola non è al passo col tempo. Il mondo cambia alla velocità della luce, ma la scuola resta sempre uguale.

Per fare un esempio, credo che nessuna azienda fondata nel secolo scorso e attualmente attiva sul mercato, esista ancora oggi perché ha utilizzato sempre le stesse procedure o li stessi macchinari per produrre i propri prodotti, o perché ha utilizzato le stesse tecniche di marketing che adoperava nel secolo scorso.

Invece a scuola è tutto lo stesso come era un secolo fa. Le materie sono rimaste le stesse ma se ne sono aggiunte altre in più, le informazione da ricordare sono le stesse ma sono solo aumentate e le modalità per tramandarle sono rimaste le stesse, anzi forse sono peggiorate.

“L’obiettivo principale della scuola è quello di creare uomini che sono capaci di fare cose nuove, e non semplicemente ripetere quello che altre generazioni hanno fatto.” – Jean Piaget

Ecco… credo che abbiamo realmente un problema e che sia proprio qui. Ripetiamo all’infinito le stesse cose che abbiamo appreso, senza considerare se sono effettivamente utili oppure no o se esiste un altro modo più efficace.

Mettere in discussione metodi e abitudini consolidate, tra l’altro largamente diffuse, crea una certa resistenza anche nelle menti più aperte.

Non riusciamo veramente a staccarci da convinzioni come “la vita è dura”, “lo studio è fatica”, “il lavoro è un dovere” o “bisogna responsabilizzarsi fin da piccoli per essere preparati alla vita”.

Pare che siano tutte teorie campate in aria, le consideriamo come una solita recente trovata new-age per vendere un nuovo libro. Questo di da diritto di continuare come abbiamo sempre fatto e di non permettere alcun cambiamento.

“La conoscenza che viene acquisita con l’obbligo non fa presa nella mente. Quindi non usate l’obbligo, ma lasciate che la prima educazione sia una sorta di divertimento; questo vi metterà maggiormente in grado di trovare l’inclinazione naturale del bambino.” – Platone

Vantiamo una società libera, ma l’istruzione è d’obbligo. Anche se come abbiamo visto, i presupposti per istituire l’obbligo possono essere giusti, i risultati sono contrari a quanto ci si aspetterebbe da una società moderna e attenta al benessere del cittadino.

Per poter essere obbligatoria la scuola deve essere prima di tutto equa e quindi adatta a tutti, incentrata sul gioco e sul divertimento, sulla gioia di imparare. Invece li vogliamo responsabili e ammaestrati già dalla scuola dell’infanzia.

Dovrebbe essere garantito a ogni bambino lo stesso diritto di poter frequentare nel migliore dei modi e di ricevere non lo stesso metodo insegnamento, ma quello più adatto a ognuno, in base alle proprie capacità e alle proprie caratteristiche.

“L’istruzione alimenta il dubbio e la curiosità: dev’essere di tutti, come vuole la Costituzione, in modo che dalla scuola escano cittadini, non sudditi. Una scuola autoritaria prepara a una società autoritaria.” –  Daniele Luttazzi

Abbiamo esami e verifiche che sono regolate su un modello che dovrebbe essere per tutti, ma che in realtà non si adatta perfettamente a nessuno. Abbiamo un’asticella tarata su un allievo ideale e chi non è all’altezza per qualsiasi ragione, viene etichettato come deficitario.

Viviamo inoltre in una società democratica, ma la scuola è rimasta despotica. Utilizziamo i voti e le note disciplinari come strumenti di potere.

Non mi stancherò mai di ripetere che i voti sono soggettivi e che non rispecchiano minimatene ciò di cui il ragazzo è capace o il suo Q.I., che incentiva la competizione invece della collaborazione e la selezione invece del recupero.

“Una scuola che costringa un adolescente a ricevere giudizi negativi, confronti frustranti con i coetanei e bocciature, è un sistema raffinato di tortura. E va contro non solo ai  principi di libertà, ma a tutte le odierne concezioni psicologiche e sociali in tema di educazione.” – Vittorino Andreoli

I voti umiliano, sono svalutanti. Vogliamo motivarli, invece otteniamo l’esatto contrario. Alunni demotivati che odiano la scuola. Ragazzi con perenne mal di testa o mal di stomaco che puntualmente spariscono durante le vacanze estive.

Inoltre il voto non è un metodo valido di valutazione del tempo dedicato allo studio. Spesso non viene dato per il merito dell’alunno, per quanto ha studiato, ma per la sua capacità di ricordare e di ripetere ciò che gli è stato insegnato.

Dipende molto dalla sua memoria, dalle conoscenze che già possedeva, dal tipo di argomento trattato, dal coinvolgimento di cui è capace l’insegnante, etc.

Non per ultimo, dipende anche dal benessere emotivo e psicologico del ragazzo, dalla sua autostima, dalla personalità e dalla sua storia vissuta fino a quel momento, dalla sua situazione famigliare etc.

“Per me, il peggio sembra essere una scuola che funziona con i metodi della paura, della forza e della autorità artificiale. Tale trattamento distrugge i nobili sentimenti, la sincerità e la fiducia degli alunni e produce un soggetto sottomesso.” – Albert Einstein

Vorrei ricordare a tutti gli insegnanti che hanno la volontà e l’umiltà di ascoltare, che i  ragazzi ai quali oggi trasmettete le vostre conoscenze, non sono solo degli alunni ma sono i nostri bambini. Sono il bene più prezioso che un genitore ha.

Vi vengono affidati per svariate ore al giorno e quindi avete un’influenza enorme su di loro. Quest’ influenza non riguarda solo la loro istruzione, ma anche la loro emotività, le loro relazioni, la fiducia in sé stessi, la loro capacità di essere validi uomini e donne in un futuro.

Sono gli adulti che domani avranno le redini del nostro paese. Che saranno i padri di domani e che a loro volta avranno dei bambini da educare. Saranno sempre loro anche quelli che governeranno e quelli che si occuperanno della nostra vecchiaia.

“Ho fatto una lista delle cose che non ti insegnano a scuola. Non ti insegnano come amare qualcuno. Non ti insegnano come diventare famoso. Non ti insegnano come essere ricco o povero. Non ti insegnano come lasciare qualcuno che non ami più. Non ti insegnano a capire cosa passa nella testa degli altri. Non ti insegnano cosa dire a qualcuno che sta morendo. Non ti insegnano niente che valga la pena sapere.” -Neil Gaiman

Già mi sembra di sentire chi dice che la scuola però deve trasmettere istruzione e per tutto il resto c’è la famiglia. È compito dei genitori occuparsi dei temi legati all’educazione, che non lo si può delegare alla scuola e che è la loro responsabilità.

Ok, sono d’accordo che la scuola non è una famiglia, che non ha questi obblighi e che è responsabilità dei genitori. Ma laddove c’è un problema, non lo si può solo scaricare sulla famiglia.

Se ad esempio, un bambino ha una difficoltà scolastica, anche se di apprendimento, si richiede l’intervento della famiglia. Se il problema è comportamentale si convoca nuovamente la famiglia.

È così per qualsiasi tipo di difficoltà che un bambino può avere a scuola. Bisogna solo augurarsi che il proprio figlio riesca a tenere sempre il passo, altrimenti per la famiglia e per il bambino incomincia un calvario decennale.

“Ho sempre pensato che la scuola fosse fatta prima di tutto dagli insegnanti. In fondo chi mi ha salvato dalla scuola se non tre o quattro insegnanti?” – Daniel Pennac

Ma come può intervenire la famiglia nelle problematiche scolastiche del figlio?

Solo stimolandolo con ogni mezzo ad impegnarsi di più, con ore di recupero, compiti supplementari, ricatti o punizioni.

La famiglia non ha conoscenza di metodi per agevolare l’apprendimento del proprio figlio. Questo tipo di problema dovrebbe essere affrontato dalla scuola e non dal genitore che è del tutto incompetente.

Il bambino a questo punto subisce un crollo definitivo. Vive un calvario fatto di inadeguatezza sia a scuola e a casa.

Si sente umiliato a scuola perché invece di essere aiutato, viene criticato e fatto sentire inadeguato attraverso i bassi voti, dato che non sta al passo con gli altri. Si sente incompreso dai genitori perché, invece di essere compreso e sostenuto, subisce anche la pressione del loro comportamento inefficace.

“Sognavo di poter un giorno fondare una scuola in cui si potesse apprendere senza annoiarsi, e si fosse stimolati a porre dei problemi e a discuterli; una scuola in cui non si dovessero sentire risposte non sollecitate a domande non poste; in cui non si dovesse studiare al fine di superare gli esami.” –  Karl Popper

È vero che la scuola non si deve occupare dell’ educazione, che è ovviamente compito del genitore, ma la scuola con il suo obbligo decennale dell’istruzione non deve interferire nella crescita emotiva e psicologica armoniosa del bambino.

Il sapere è importante, ma non lo è di più del benessere dei nostri figli. La conoscenza da sola inculcata in un piccolo essere reso insicuro delle proprie capacità, non può che rivelarsi un’enorme insuccesso.

La capacità di apprendere e di memorizzare passa attraverso il benessere psicologico e uno stato emotivo sereno del soggetto.

“Ogni istruzione seria s’acquista con la vita, non con la scuola.” – Lev Tolstoj

Se non vogliamo che i nostri alunni diventino disinteressati allo studio, che acquisiscano col tempo la cosiddetta impotenza appresa impedendo poi qualsiasi tipo di apprendimento, allora vuol dire che forse è il caso di ammettere che la scuola non è fatta a misura dei nostri bambini.

Se non vogliamo che gli insegnanti fatichino a fare lezione o che la facciano per soli due o tre soggetti in grado di ascoltarli, vuol dire che dobbiamo ammettere che forse c’è qualcosa che non va nelle modalità di insegnamento.

Se non vogliamo che il rapporto tra genitori e figli si danneggi a causa della valutazione scolastica del bambino e non per la sua reale personalità, allora dobbiamo ammettere che è una scuola che utilizza metodi non adeguati ad una crescita armoniosa dei nostri ragazzi.

“La scuola è quell’esilio in cui l’adulto tiene il bambino, fin quando è capace di vivere nel mondo degli adulti senza dar fastidio.” –  Maria Montessori

Abbiamo una scuola d’obbligo, che invece di essere un diritto per i bambini, un accesso al sapere, per alcuni rischia di diventare una prigione, dove sono costretti a vivere per dieci anni.

Una scuola d’obbligo poco attenta al recupero dei soggetti con difficoltà, che vorrebbe essere inclusiva ma che in realtà premia la competitività, diventa un incubo per molti alunni.

Una scuola d’obbligo che mira a istruire le nuove generazioni, non può ignorare i danni collaterali che provoca nell’affettività e nella psiche, quindi nella vita e nel futuro dei nostri bambini.

Racconta pure la tua esperienza se ti va, infatti mi piacerebbe se la riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!

SCUOLA IDEALE- LA TERZA VIA

SI ESISTE, E’ LA TERZA VIA

la terza via

LA TERZA VIA

Oggi vorrei presentarvi una terza via,un nuovo modo di relazionarsi, al contrario di ciò che per millenni abbiamo conosciuto, un’unica modalità.

Siamo stati conquistatori e accumulatori di ricchezze, con esiti devastanti evidenti a tutti, individuabili persino  da chi come me, prova una certa avversione per la storia.

Non ci tengo particolarmente che tu sia d’accordo con il mio punto di vista, ma non puoi negare che da sempre nella storia dell’umanità  c’è stata una violenza e una crudeltà che non esiste in nessun’altra specie presente in natura.

Quello che io in realtà odio è, si la crudeltà contenuta nelle azioni accadute in passato, ma ancor di più le bugie contenute nella storia raccontata. Siccome la storia è una raccolta di fatti accaduti e magari edulcorati dalle più disparate giustificazioni, è soprattutto una insieme di fatti raccontati da persone e pertanto subiscono inevitabilmente la soggettività di chi li descrive.

“Ogni paese della terra è aperto all’uomo saggio: perché la patria dell’uomo virtuoso è l’intero universo” -Democrito

Mai come nell’ultimo secolo siamo stati noncuranti delle conseguenze del nostro “progresso” e degli effetti del nostro agire, però non era di questo che volevo parlare… Abbiamo rimasto però poche scelte possibili riguardo il nostro futuro su questo pianeta… ce lo dimostra la nostra storia in diretta, lo svolgimento dei fatti di attualità.

La verità è che tutto è compromesso, ogni settore ha grossi problemi strutturali, con grosse difficoltà di ogni tipo, quindi dovremmo sentirci un po’ richiamati all’ordine, a quell’etica originale di rispetto verso la natura e verso tutto ciò che essa ospita, compreso l’essere umano.

Non si possono attuare dei cambiamenti, inventando nuove regole o nuove leggi, pretendendo di non cambiare nulla del nostro modo di essere e di interagire con gli altri. Quindi credo che sia sempre da qui che dovremmo ripartire, perciò anche, e soprattutto, con l’educazione e con l’insegnamento.

“Ogni progresso è dovuto agli scontenti. Le persone contente non desiderano alcun cambiamento.” -Herbert George Wells

Voglio credere che non tutto è perso, perlomeno non ancora… Credo fortemente che possiamo ancora cambiare qualcosa, cercare di invertire la rotta. Solo grazie ai nostri bambini potremmo avere ancora una speranza per il futuro.

Quando non subiscono i condizionamenti e i pregiudizi degli adulti, loro agiscono in maniera diversa dalla nostra, essendo già “tarati” su una visione rispettosa della vita e dell’alterità.  Infatti, loro riconoscono l’alterità come fonte di nuove esperienze, come opportunità di arricchimento culturale, come opportunità di crescita personale e non come origine di contrasti e disuguaglianze come invece capita a noi adulti.

“La grande disgrazia, l’unica disgrazia di questa società moderna, la sua maledizione, è che essa si organizza visibilmente per fare a meno della speranza come dell’amore; immagina di supplirvi con la tecnica, aspetta che i propri economisti e i propri legislatori le forniscano la doppia formula di una giustizia senza amore, di una sicurezza senza speranza.” – Georges Bernanos

Pertanto dovremmo cercare il più possibile di non nuocere nella loro spontanea crescita naturale, con le nostre convinzioni e con i nostri interventi educativi.

Possiamo migliorare l’essere umano solo attraverso l’educazione, invece la “ri-educazione” è decisamente più complicata. Di conseguenza si può creare una nuova società solo partendo  da un diverso approccio alle nuove generazioni, ma sicuramente soltanto partendo e passando prima per noi stessi.

Vedo quanto sono complicate le relazioni con i bambini e vedo una vita difficile per molti adulti.  Vedo bambini sofferenti a scuola, ragazzi depressi e delusi dagli adulti, vedo genitori disperati e sofferenti per il rapporto che hanno con i propri figli.

Vedo le aziende con il personale ribelle e ostile nei confronti dei datori di lavoro, vedo adolescenti senza più speranze nel futuro. Vedo malessere nelle scuole, e non parlo solo di alunni. Nelle scuole stanno male tutti… per primi i ragazzi costretti a subirla senza altra scelta, d’altronde sono obbligati ad andarci.

Ma a scuola appunto stanno male tutti, stanno male anche i professori. Insegnanti che hanno difficoltà a farsi ascoltare, senza strumenti per contenere i gruppi, alle prese con i genitori e con la burocrazia… che molto si lamentano, ma che non vogliono cambiare nulla del loro operato.

“Il futuro contiene quel che si teme o quel che si spera; dunque secondo le intenzioni umane, qualora non le si frustri, contiene solo quel che si spera.”- Ernst Bloch

E poi ci sono loro, gli angeli delle nostre scuole.  Sono insegnanti volenterosi e con un’ardente desiderio di cambiamento. Sono quelli che quotidianamente muoiono di frustrazione.

La giornata a scuola è una lunga agonia per la rabbia che non possono esprimere, per una voglia di innovazione che non ha spazio in un ambiente chiuso su se stesso, pieno di procedure opprimenti, che vuole continuare con il “si è sempre fatto così”.

Ecco io mi rivolgo a te, se fai parte di questi angeli, faticando tutti i giorni a sopportare l’insopportabile. Vorrei davvero aiutarti… vorrei che mi permettessi di ricordarti che, anche quando sei stremato, frustrato, abbattuto e demotivato perché ti senti solo contro tutti solo perché sei una minoranza, non sei solo…

Con questi miei articoli voglio restituirti delle riflessioni che possono servirti come boccata d’ossigeno nelle giornate più difficili, oppure che ti diano spunti e coraggio per comunque continuare. Ti suggerisco alcuni ambiti fondamentali nei quali dovremmo provare insieme ad operare:

  • Migliorare la comunicazione

Solitamente usiamo la comunicazione del tipo passivo/aggressivo  in tutti i contesti. In famiglia, al lavoro, a scuola utilizziamo formule vincitore/ perdente, alternandoci nei vari ruoli di vittima e carnefice.

Può capitare che più subbiamo il ruolo di vittima ad esempio al lavoro, più adottiamo il ruolo di carnefice in famiglia. Oppure ci cuciamo addosso un vestito personalizzato convincendoci di avere il carattere debole o forte, in base al nostro modo prevalente di affrontare le divergenze.

Nessuno penso che ami sentirsi vittima e subire l’atteggiamento o le parole offensive degli altri. Il problema è che per subire un atteggiamento offensivo non si devono ricevere necessariamente degli insulti.

Quando non ci sentiamo capiti, quando ci sentiamo giudicati o ci sentiamo costretti dai sensi di colpa ad agire in un determinato modo è sempre una violenza che subiamo e che, nel tempo, genererà inevitabilmente frustrazione e rabbia.

Per combattere questo senso di impotenza e la frustrazione derivante, impariamo ad essere aggressivi a nostra volta, a rispondere con le stesse modalità violenti.

Ecco fatto, è pronto il gioco di violenza, con la stessa persona in momenti differenti quindi si alternano i ruoli di vittima/ carnefice, oppure con alcuni si subisce e poi ci si vendica prevaricando su altri.

“La differenza tra una richiesta e una pretesa non sta nel fatto che una è formulata in modo gentile e l’altra in modo brusco. La differenza sta nel modo in cui la persona che fa la richiesta tratta l’altra persona nel caso in cui essa non risponda positivamente.”– Marshall B. Rosenberg  

Siamo sicuri che non è possibile una terza via? Non potremmo invece allenarci all’utilizzo di una comunicazione non violenta e ad un nuovo modo di vivere tutte le relazioni, sia in ambienti domestici che formali?

La terza via propone un tipo di comunicazione dove tutti sono soddisfatti, dove tutti sono capiti nei loro bisogni, dove tutti cercano anche di soddisfare i bisogni altrui  e dove nessuno obbliga gli altri attraverso manipolazioni, costrizioni o punizioni.

  • Aumentare la consapevolezza

Tutti noi siamo il risultato delle nostre esperienze. A tutti purtroppo è capitato di vivere qualche  esperienza dove ci si è sentiti un po’ umiliati, derisi o non amati come avremmo voluto.

Queste esperienze possono aver provocato delle ferite e livello emotivo che vanno scoperte, riconosciute e curate. Moltissimi adulti restano ad un livello emotivo immaturo, di reazione e di sottomissione  alle emozioni.

Il risultato di queste esperienze nel tempo è una perdita di gioia e di fiducia negli altri e nella vita. A causa di questo si può reagire in vari modi a seconda del carattere del soggetto, ad esempio fuggendo dalla realtà attraverso isolamento o le dipendenze.

Oppure ci si può arrendere, sottomettendosi e deprimendosi, oppure sposare l’aggressività come migliore strumento di difesa e usando crudeltà e sopraffazione.

“Nella consapevolezza non c’è divenire, non c’è nulla da guadagnare. C’è un’osservazione silenziosa senza scelta, senza condanna, da cui scaturisce la comprensione.” – Krishnamurti

Possiamo infatti allenarci alla consapevolezza attraverso le varie attività che svolgiamo quotidianamente, e attraverso la presa di coscienza delle proprie modalità e schemi personali. Se necessario, chiedendo aiuto a chi può sostenerci nei momenti più difficili.

La terza via propone di migliorare la consapevolezza attraverso la presenza responsabile nelle azioni quotidiane. Incentivare le attività che appagano mente, corpo e anima e cercare il più possibile di capire i propri schemi mentali e le ragioni delle proprie azioni.

  • L’accettazione

Abbiamo tutti un po’ sofferto la scarsità e pur con ottimi genitori, a volte anche emotiva, salvo pochissimi più fortunati. Questo non vuole assolutamente dire che i nostri genitori non sono stati amorevoli con noi o che non abbiano fatto del loro meglio per crescerci nel migliore dei modi.

Basta però così poco per non sentire pienamente soddisfatti i propri bisogni e quindi sperimentare delle vere e proprie mancanze. Non riuscire a sperimentare abbondanza ci rende poco disponibili ad accettare gli altri o soddisfare le loro necessità.

“Accettare l’altro così com’è, è veramente un atto di amore; sentirsi accettati significa sentirsi amati.”- Thomas Gordon

Possiamo invece coltivare l’ amore ed il rispetto ritrovato per noi stessi, che ci permette di accogliere  meglio anche quello per le persone che ci stanno attorno. Pertanto saremmo più propensi ad accogliere i bisogni degli altri una volta che lo avremmo fato per noi stessi.

Anche quando le nostre necessità sono già state ascoltate e soddisfatte, quindi, senza giudizio possiamo capire le ragioni dell’altro e sperimentare più empatia.

“La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose, il coraggio per cambiarle.” – Agostino d’Ippona

Abbiamo validi  esempi di personalità di spicco in tutti i campi che hanno parlato di possibili scelte differenti e suggerito delle alternative, come lo psicoterapeuta  Carl Rogers, lo psicologo statunitense Marshall B. Rosenberg, la pedagogista e neuropsichiatra Maria Montessori, l’educatore e sociologo Danilo Dolci e moltissimi altri ancora.

Pensi di poter modificare alcune delle tue abitudini nel definire quali possono essere delle nuove modalità da adottare affinche i tuoi alunni siano felici di collaborare e di apprendere?

Racconta pure la tua esperienza se ti va, infatti mi piacerebbe se la riportassi nei commenti. Grazie!

Se l’articolo ti è piaciuto puoi sentirti libero/a di condividerlo. Ricordati di registrarti sul sito inserendo l’email nella sezione NEWSLETTER o di mettere like sulla pagina facebook  se vuoi ricevere i futuri articoli di bambino ideale

A presto!